Sapone e Saponette Tradizionali

Qui video “Sapone tipo marsiglia”

Video: “Il Sapone molle: cos’è?”

Il sapone è un sale sodico (saponetta solida) o potassico (liquido) degli acidi grassi vegetali o animali. Il suo pH è alcalino intorno a 9-10
Si ottiene dalla reazione (saponificazione) tra grassi o oli (esteri) e una base forte come NaOH o KOH (idrossido di sodio e potassio) a 170°C.
Il prodotto è il sapone (sale) e glicerolo (alcool). 
Anticamente veniva fatto con cenere di legno (alcalina) e grassi animali. In pratica è una reazione tra acido debole e base forte che darà il sale. 
I saponi sono tutti tensioattivi ANIONICI. Il loro nome in inci si riconosce dalla parola sodium o potassium e dalla desinenza “ate” che segue il nome del grasso/olio da cui proviene:
da grasso animale (suino o bovino) = sodium tallowate
da olio di palma = sodium palmate
da olio di cocco = sodium cocoate
da olio di oliva = sodium olivate (la vera saponetta di marsiglia), potassium olivate (vero marsiglia liquido).
Oppure, potreste avere indicati gli oli usati, es. Olea Europaea Fruit Oil e la base usata per saponificare, cioè Sodium Hydroxide.
Il pH di TUTTI i saponi sale sodico è attorno a 8-10 (alcalino) sennò non possono chimicamente esistere!
Il pH è alcalino A PRESCINDERE dall’olio usato, anche se è bio, a kmzero, da terre esotiche o dalle olive raccolte da voi. E comunque, dopo la saponificazione, l’olio NON esiste più, è appunto stato trasformato dalla reazione chimica con la sostanza alcalina. Il sapone non conserverà le proprietà dell’olio.

I saponi sodici o potassici formano la “schiuma” perché sciogliendosi in acqua ne abbassano la tensione superficiale.
Però, con acque molto dure, ovvero che contengono quantità sensibili di ioni Ca+ e Mg+, lo svantaggio dell’uso di questi saponi è che si formano dei SALI di calcio e magnesio INSOLUBILI in acqua, che non hanno più il potere detergente e la schiuma. 
Occorre quindi addolcire l’acqua per migliorare il lavaggio aggiungendo un sequestrante al cosmetico. Il sequestrante serve per bloccare i metalli (in particolare Ca e Mg) per avere più schiuma e minore variazione del colore e del profumo, impedendo cioè che il sapone irrancidisca; infatti nella saponetta non servirebbero i conservanti, perché essendo un solido l’acqua è talmente poca da non essere compatibile con la crescita batterica.
Il sapone marsiglia è ottimo come: detergente intimo contro le infezioni di “candida”, in virtù della sua alcalinità; utile anche come schiuma da barba perchè l’alcalinità tipica di un sapone riduce la consistenza del pelo che quindi viene tagliato meglio e più facilmente; antischiuma dei detersivi per lavatrice.
No al sapone sui capelli: l’alcalinità del sapone apre le scaglie dei capelli che si rovinano, diventando stopposi e fragili. È quello che succede (semplificato al max) quando ci si tinge i capelli con tinte tradizionali: si aprono le scaglie con una base, si mette il colore, si richiudono con sostanza acidula. E infatti i capelli sottoposti a tinte chimiche si rovinano…
No solo sapone per lavare i panni: li ingrigisce! Perché forma sali insolubili che si depositano sui tessuti. Inoltre, i residui che dovessero rimanere, irrancidiscono e puzzano. E si depositano pure nelle tubature, intasandole.
Personalmente uso le saponette, ma solo per lavare alcune parti del corpo (lo spiego nel video sulle “magliette che puzzano”) perchè essendo il pH molto diverso da quello della pelle (circa 5,5), me la secca troppo. Ma è ovviamente una questione personale.
Per altre info c’è un’articolo molto dettegliato “Sapone e saponificazione”

Articolo creato 81

4 commenti su “Sapone e Saponette Tradizionali

  1. Cara mammachimica,farai anche una ricetta su come autoprodurre le saponette? Sul web ce ne sono migliaia ma io mi fido solo di te

    1. forse…ma il tempo è sempre poco…guarda quando sto rispondendo ai messaggi! 🙂
      Comunque, c’è un ottimo erticolo sulla saponificazione, con ricette allegate di Toto48, sul magazine di Fabrizio Zago, su http://www.ecobiocontrol.bio
      ciao Sara

  2. Salve e complimenti. Comincio ora i questo campo. Cercavo disgorgatore e ho proceduto come descritto. Ho letto anche che l idrossido di sodio distrugge i residui. Cosa è praticamente e dove lo trovo? Grazie mille. Enrica

    1. ciao e grazie dei complimenti.
      L’idrossido di sodio è la soda caustica, estremamente pericolosa da maneggiare. Provoca gravi ustioni quindi se decidi di usarla devi fare moltissima attenzione. Si compra anche ai supermercati però, sotto forma di pasticche o polvere.
      Personalemnte preferisco disgorgare gli scarichi con il compressore.
      Ciao Sara

I commenti sono chiusi.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto