Piccole pillole


PILLOLE DI CHIMICA 1
Mi ripropongo di postarvi piccoli post chiarificativi o curiosi, in base ai messaggi che mi arrivano giornalmente.
Spero di rendere sempre più facile la comprensione degli ingredienti da usare in detergenza e anche le meraviglie della chimica.
Ovviamente questo non potrà mai sostituire tutte le info e gli articoli di Mammachimica però!
Ecco la prima pillola.
Buona lettura!
CAPI ELETTRIZZATI
“Cara Mammachimica, indossando camice in fibra sintetica mi si attaccano addosso…c’è qualcosa per togliere la staticità?”
Certo! Copio ed incollo il rimedio consigliato da Fabrizio Zago, max esperto di eco-detergenza:
“L’unica cosa possibile è lavare il capo con pochissimo detersivo (o anche senza detersivo proprio) e poi lasciarlo a bagno 30 minuti in acqua fredda nella quale si sia sciolto una abbondante dose di balsamo per capelli”
PILLOLE DI CHIMICA 2
PULIRE I VETRI
“Cara Mammachimica, tra le tue ricette non compare uno spray per pulire i vetri. Mi chiedevo come li pulisci tu?”
Per pulire i vetri io uso il panno un microfibra bagnato e basta…Ma sono molto fortunata, perché abito in un posto ad inquinamento veicolare zero, quindi a parte un po’ di polvere o eventuali manate di bimbi, le mie finestre non sono mai molto sporche. Quando abitavo in una grande città, super inquinata, lavavo i vetri con un po’ di detersivo piatti perché erano grassi e neri di smog! E poi però mi toccava risciacquare e asciugare. Lo spruzzino per superfici dure (nel fai da te di Mammachimica) andrebbe bene, ma lascia un po’ di aloni, devi ripassare. Lo spruzzino a base di alcool (che mi riprometto sempre di postare) è certo la cosa migliore per vetri medio sporchi perché non lascia aloni. Puoi trovare la ricetta nel Magazine del forum di Zago (https://www.ecobiocontrol.bio/magazine/libriccino-ricette-autarchiche/).
L’alcool però non va inalato! Ma basta appunto aprire bene le finestre e usare un po’ di buon senso. (Un mio vecchio post sui pericoli dell’alcool intendeva proprio questo, dato che alcune persone lavano tutto: pavimenti, sanitari, cucina, ecc. con l’alcool e questo non è certo salutare!).

PILLOLE DI CHIMICA 3

DIFFERENZA TRA ACIDO CITRICO E CITRATO DI SODIO (della serie “le parole sono importanti”…)
“Cara Mammachimica, volevo fare il detersivo lavatrice seguendo le tue indicazioni, ma non ho il CITRATO DI SODIO. Ma l’ACIDO CITRICO è lo stesso?
NO!
L’acido citrico e il citrato di sodio NON sono la stessa cosa, sono due molecole diverse e quindi con funzioni diverse.
L’ACIDO CITRICO è un è un acido (pH circa 2), mentre il CITRATO DI SODIO è un sale sequestrante (pH 7). Però, per fare il citrato di sodio, hai bisogno dell’acido citrico.
Ecco i link agli articoli e alle preparazioni.

PILLOLE DI CHIMICA 4
DIFFERENZA TRA CARBONATO E PERCARBONATO DI SODIO (sempre della serie “le parole sono importanti”…)
“Cara Mammachimica, ma il CARBONATO DI SODIO ed il PERCARBONATO DI SODIO sono la stessa cosa? Quando posso usarli? Come? Per potenziare i detersivi eco della lavastoviglie e lavatrice è meglio il percarbonato o il carbonato?”
NO! non sono la stessa cosa, sono due molecole diverse e quindi con funzioni diverse.
Il CARBONATO DI SODIO ( o Soda Solvay) potenzia il detersivo perché è una sostanza alcalina, ha un pH elevato, circa 11 (viene infatti usato per fare lo sgrassatore, aggiungendolo al det. piatti per esempio).
Il PERCARBONTO DI SODIO è sempre alcalino ma ha una funzione in più: è igienizzante e sbiancante. E’ infatti carbonato di sodio su cui viene fatta cristallizzare una molecola di acqua ossigenata. Quando si scioglie in acqua, si decompone e sprigiona ossigeno attivo. Però questo avviene solo a temperature dell’acqua sopra i 40°C (minimo).
Entrambi sono gli ingredienti principali del detersivo in polvere. Quindi, se vuoi potenziare un tuo detersivo, puoi aggiungerli, magari un cucchiaio a lavaggio, ma solo se lavi sopra i 40°C e tessuti resistenti (sia di materiale che di colori).
Nella lavastoviglie meglio solo il percarbonato e comunque da mettere nella vaschetta e non sfuso nella lavastoviglie (lo perderesti e basta). Ma di solito le pasticche sono già ben formulate e non credo serva.
Nella formazione del mio detersivo liquido la quantità di carbonato di sodio è piccola ed ha funzione solo di conservante.
http://www.mammachimica.it/acqua-ossigenata-e-percarbonato-di-sodio/
PILLOLE DI CHIMICA 5
POTENZIARE IL DETERGENTE SMACCHIATORE IGIENIZZANTE
“Cara Mammachimica, scrivi che per potenziare l’effetto sbiancante ed igienizzante di questo prodotto possiamo passare prima sulla macchia o sulla zona da igienizzare un po’ di sgrassatore o del sapone di marsiglia. Posso mettere tutto assieme in uno spruzzino? Così faccio prima!”
NO! non devi mischiare DENTRO un flacone i detergenti a base di ossigenata con altre sostanze alcaline (tipo sgrassatore o marsiglia). La chimica REAGISCE!
L’acqua ossigenata reagirà con la sostanza alcalina all’interno del flacone, producendo l’ossigeno igienizzante, ma dentro il flacone e non sulla macchia!
Si formerà un blob enorme, il flacone si gonfierà e poi uscirà tutto l’ossigeno. E non avrai più né l’acqua ossigenata igienizzante e nemmeno lo sgrassatore…non si deve fare!
Devi spruzzarli AL MOMENTO sulla macchia o sulla superficie e in sequenza. Così l’ossigeno nascente ed igienizzante lavorerà lì.
http://www.mammachimica.it/fai-da-te-2/detergente-smacchiatore-igienizzante
PILLOLE DI CHIMICA 6
POSSO FARE LO SPRUZZINO CON IL PERCARBONATO?
“Cara Mammachimica, ho paura ad usare l’acqua ossigenata a 130v, posso farmi uno spruzzino igienizzante ma con il percarbonato?”
NO! Purtroppo non si può fare.
Il percarbonato di sodio igienizza e sbianca solo se si forma l’ossigeno attivo, che si ottiene se si aggiunge acqua a temperature elevate (sopra i 40°C minimo).
Ma se metto acqua calda e percarbonato in uno spruzzino o in un flacone e lo lascio lì, dopo un po’ tutto l’ossigeno formato vola via e quindi non avrò alcun potere igienizzante quando lo spruzzerò.
Il percarbonato funziona solo al momento ed “in situ”: in lavatrice a temperature superiori ai 40°C minimo (perchè altrimenti non si scioglie nemmeno e non ha il tempo di reagire); oppure con ammolli mooolto prolungati (tutta la notte) anche in acqua più fredda. In questo caso il lungo tempo (che non ho nel ciclo di lavaggio nella lavatrice) consente di sciogliere il percarbonato anche a temperature minori.
PILLOLE DI CHIMICA 7
IGIENIZZARE TUTTO
“Cara Mammachimica, posso usare la candeggina delicata a base di ossigenata per pulire i giocattoli dei bambini? E i pavimenti, i sanitari e i ripiani della cucina?”
Premesso che la candeggina delicata si può usare quasi su tutto (tranne che su pietre vere e marmo), c’è da dire anche che igienizzare tutto potrebbe essere controproducente.
Certamente uno pulisce come gli pare, ci mancherebbe…ma non siamo in una sala operatoria!
A parte situazioni di infezioni in corso, luoghi con scarsa igiene o promiscui, igienizzare troppo potrebbe peggiorare la situazione.
Per un motivo semplice: verranno distrutti per primi tutti i batteri deboli e innocui, lasciando campo libero a quelli cattivi e patogeni (più tosti e resistenti) che prolifereranno in quantità maggiore e indisturbati, perché avranno uno spazio più vasto e libero.
Insomma…non esagerate!
PILLOLE DI CHIMICA 8
IGIENIZZARE PARADENTI, APPARECCHI, DENTIERE.
“Cara Mammachimica, per lavare/disinfettare/sterilizzare i paradenti da rugby/boxe cosa posso usare al posto delle pasticche da dentiera? (I paradenti non si possono far bollire perché perdono la forma)”.
Ecco un ottimo consiglio ecologico ed efficace di Fabrizio Zago: “un cucchiaino di percarbonato in un bicchiere di acqua e lasciare ammollo tutta la notte, sul termosifone è ancora meglio!”
PILLOLE DI CHIMICA 9
NON MISCHIATE ACIDO CITRICO E….
“Cara Mammachimica, posso mischiare il PERCARBONATO con l’ACIDO CITRICO?”
NO! l’acido distruggerebbe il percarbonato in pochi secondi e non avresti più ne l’uno e nell’altro.
E dato che ci siamo NON MISCHIARE nemmeno:
– acido CITRICO e SAPONE tipo marsiglia, perché dissocerebbe gli acidi grassi sporcando il bucato.
– acido CITRICO con DETERSIVO LAVATRICE, perché verrà trasformato immediatamente in citrato sottraendo alcalinità al liquido di lavaggio (e decomporrà anche il sapone eventualmente presente).
PILLOLE DI CHIMICA 8
IGIENIZZARE PARADENTI, APPARECCHI, DENTIERE.
“Cara Mammachimica, per lavare/disinfettare/sterilizzare i paradenti da rugby/boxe cosa posso usare al posto delle pasticche da dentiera? (I paradenti non si possono far bollire perché perdono la forma)”.
Ecco un ottimo consiglio ecologico ed efficace di Fabrizio Zago: “un cucchiaino di percarbonato in un bicchiere di acqua e lasciare ammollo tutta la notte, sul termosifone è ancora meglio!”

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto