Percarbonato di sodio

video “Sbiancare e Lavare i tessuti: come farlo davvero, utilizzando le cose giuste”

È una molecola utilissima ed ecologica. È carbonato di sodio (soda solvay) su cui viene fatta cristallizzare una molecola di acqua ossigenata. Come la solvay è alcalino ma ha una funzione in più: è igienizzante e sbiancante. Quando si scioglie in acqua, si decompone e sprigiona ossigeno attivo. Però questo avviene solo a temperature dell’acqua sopra i 40°C (minimo e se contiene il TAED – Tetra Acetyl Ethylene Diamine: l’attivatore di percarbonato- altrimenti servono temperature più alte, sopra i 50 gradi).
È un ingrediente fondamentale per autoprodurre il detersivo lavatrice in polvere e per fare ammolli in caso di bucato ingiallito (che poi va comunque lavato con detersivo).
Può essere utile per potenziare il detersivo liquido, per una maggiore igienizzazione dei panni, aggiungendone un cucchiaio a bucato, ma solo se lavi SOPRA i 40°C, altrimenti non si scioglie (va giù per lo scarico o rimane sui tessuti). Il percarbonato è potente: MAI il percarbonato su DELICATI e sui colorati non resistenti.
NON si può fare uno “spruzzino” con Percarbonato: se metto acqua calda e percarbonato in uno spruzzino o in un flacone e lo lascio lì, dopo un po’ tutto l’ossigeno formato vola via e quindi non avrò alcun potere igienizzante quando lo spruzzerò.
Il percarbonato funziona solo al momento ed “IN SITU”: in lavatrice a temperature superiori ai 40°C minimo; oppure in acqua anche fredda, ma in ammolli mooolto prolungati (tutta la notte, in questo caso il lungo tempo, che non ho nel ciclo di lavaggio nella lavatrice, consente di sciogliere il percarbonato anche a temperature minori).
Ovviamente gli ammolli prolungati possono essere fatti solo con tessuti bianchi e resistenti.
Ottimo per igienizzare bite, apparecchi dentali, paradenti, dentiere
Qui altre info sul video “Percarbonato di Sodio”
Per altre info c’è l’articolo “Acqua ossigenata e Percarbonato di sodio”

Articolo creato 55

16 commenti su “Percarbonato di sodio

  1. Ciao, spero che la mia domanda non sia troppo specifica: il percarbonato è indicato per lavare i piumini imbottiti di piuma naturale? L’ho già fatto qualche volta con ottimi risultati ma non vorrei danneggiarli sul lungo periodo. Grazie per tutte le informazioni presenti sul sito!

    1. Il percarbonato è potente e contiene solvay.
      Quindi a lungo andare può rovinare i tessuti (ma come tutti i detresivi in polvere).
      Io controllerei le istruzioni di lavaggio del piumone.
      Ciao Sara

  2. Ciao
    L’ho comprato mesi fa ma non ho ancora avuto tempo/voglia/modo di studiare per capire come usarlo! Ben contenta mi sia stata suggerita la tua pagina.una info però: sull’eticheletta del percarbonato sfuso che ho acquistato non si parla di Taed ma c’è scritto che è già attivo a 30º. Possibile?

    Grazie mille

    1. spesso indicano 30, perchè a quella temperatura inizia a decomporsi perchè ha il taed oppure ha gli sbiancanti ottici…verifica la composizione chimica.
      Inoltre, a prescindere se si attiva o meno, secondo me la polvere a 30 gradi è al limite, non si scioglie bene e va nello scarico: non lava non igienizza e butti i soldi.
      cioa Sara

  3. Ciao, ti ho scoperta da poco, con molto piacere leggo i tuoi articoli e i tuoi suggerimenti, davvero interessanti! Grazie mille! Vorrei chiederti, cosa ne pensi dell’utilizzo del vapore come igienizzante per le superfici e i sanitari? Si può pensare ad una soluzione di percarbonato e acqua in spruzzino, e poi attivatore con calore del vapore?

    Grazie

    1. dunque, il vapore di certo sterilizza, ma non lava (uccide tutti i batteri ma lo sporco lo “sposta” quindi io altrenerei ad un buon detergente con tensioattivo.
      Inoltre no, lo spruzzino con il percarbonato non funziona così. se ti derve igienizzare i sanitari meglio la ce+andeggina delicata a base di ossigenata.
      Ciao Sara

  4. Ho acquistato separatamente il TAED da utilizzare con il percarbonato puro ma non mi è ben chiaro in che dosi li devo unire. Sulla confezione indica di mescolarli in un rapporto di 1:2 (1taed, 2 percarbonato) è esagerato?

    1. ciao, se il produttore ha scritto così evidentemente sarà così…a volte il dosaggio cambia a seconda di quanto si vuole abbassare la temperatura.
      Sul forum di Zago http://www.ecobiocontrol,bio se ne è discusso, magari trovi altre info.
      Ciao Sara

  5. Buongiorno!
    Complimenti per le tue preziose ricette e consigli.. sto cercando di realizzare il detersivo per lavastoviglie ma ho difficoltà a trovare il percarbonato con il taed per lavare a temperature un po più basse dei 70° previsti dalla mia macchina. Ho letto in alcuni articoli che in un noto negozio di mobili svedese veniva venduto con il taed..(articoli del 2014 però ).. altri posti dove posso acquistarlo?
    Grazie mille

    Stefania

    1. cerca su internet o anche ai supermercati o discount (è venduto come sbiancante a base di ossigeno).
      Ciao Sara

  6. Ciao innanzitutto ti ringrazio per i tuoi post.
    Ti scrivo perchè c’è una cosa non capisco, in un video per detersivo per lavastoviglie (che ho usato e va benissimo) mischi percarbonato e acido citrico, invece in questo articolo dici che non si devono mischiare.
    Coma mai?
    Un caro saluto
    Annalisa

    1. Ciao,
      nel detersivo lavastoviglie NON mischio percarbonato e acido citrico, ma percarbonato e CITRATO di SODIO, una molecola completamente dicersa, che serve come seuestrante e non è acida, ma neutra (queindi non darà fastidio al percarbonato).
      Ciao Sara

  7. Ciao, Sara.
    Ho iniziato a seguirti da poco ma ho già letto tantissimi tuoi post e ho salvato quelli che mi serviranno per iniziare l’autoproduzione (ho già molti ingredienti ma me ne mancano alcuni). Volevo chiederti un consiglio sulla modalità migliore (se esiste) per togliere le macchie di sugo dal vassoio bianco del seggiolone in cui mangia il mio bambino; ho provato tante cose (compresa una specie di pappetta di acqua caldissima e percarbonato) ma la macchia resta (non so se la candeggina le toglierebbe ma, considerato che spesso lui mangia direttamente dal vassoio, penso sia meglio evitarla).
    Ti ringrazio e ti faccio i miei complimenti.
    Gabriella.

    1. Grazie dei complimenti!
      Ma temo che il sugo sia penetrato nella plastica..
      Prova prima a metterlo un po’ al sole, potresti risolvere.
      Prova anche a passarci un po’ di olio, qualsiasi (oliva, girasole). A volte è il betacarotene che macchia la plastica ed essendo liposolubile potresti toglierlo (il simile scioglie il simile). Ovviamente dopo lava con lo sgrassatore.
      Ciao Sara

  8. Ciao!
    Io ho due domande, spero potrai rispondermi quando sarà possibile!

    La prima riguarda la temperatura: per attivare il percarbonato devo superare i 40? Nel senso, io lavo sempre i panni a 40 (lo scatto successivo è 60 e lo uso per i pannolini lavabili). Questo non permette lo scioglimento della polvere di percarbonato?

    La seconda invece i panni colorati ( non necessariamente delicati): ha senso usare il percarbonato? Avrebbe solo funzione igienizzante o in qualche modo ravviva i colori?

    Grazie per il tuo tempo e buona giornata!

    1. A 40 gradi, se ha il taed, già si scioglie e si attiva. Come scritto sul post, se non ha il taed allora devi andare a 60°.
      I panni colorati devono essere lavati a freddo o al max a 30 gradi, perchè sennò si scoloriscono, li rovini. Quindi il percarbonato non va bene, non ravviva i colori, li sbianca! Puoi igienizzare questo tipo di bucato con la candeggina delicata a base di ossigenata, attiva già a freddo.
      Se invece sono colorati restinti (lenzuola, asciugamani) allora puoi usare il percarbonato, ma con le solite modalità di temperatura.
      Spero di essere stata più chiara..comunque trovi altre info qui https://www.mammachimica.it/acqua-ossigenata-e-percarbonato-di-sodio/
      Ciao Sara

I commenti sono chiusi.

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto