Macchie sui tessuti

video macchie di SANGUE

video macchie di CIOCCOLATO

video macchie di POMODORO/SUGO

video sugli Enzimi

video su cos’è il colore e come sbiancare e lavare

Piccolo PRONTUARIO per PRETRATTARE in modo sensato le macchie sui tessuti.
Anche se comprerete il detersivo più figo del reame, non potrà intercettare tutte le macchie tra i panni mischiati in lavatrice…
Quindi la parola d’ordine è pretrattare (ci sbomballa pure la pubblicità su questo, vero?).
Bisogna ovviamente usare un detersivo o una sostanza che CHIMICAMENTE abbia le caratteristiche per rimuoverle, non cose a caso solo perchè sono naturali o lo dicono sui social…
In generale, per tutte le macchie, se poi potete lavare il capo ad alte temperature (60°) con detersivo in polvere, avrete più possibilità di eliminarle. Ma OVVIAMENTE non è sempre possibile (tessuti colorati o delicati)
E quindi ecco come PRETRATTARE:

MACCHIE GRASSE : è necessario pretrattare con un tensioattivo molto emulsionante (es. det piatti), o uno sgrassatore, o il sapone marsiglia e olio di gomito, o il detersivo stesso contenente Enzimi.

MACCHIE COLORATE OSSIDABILI (erba, caffè, frutta, spinaci): usare uno sbiancante a base di ossigeno: detergente smacchiatore igienizzante (candeggina delicata) o pappetta di percarbonato, a seconda che il capo sia colorato, delicato o bianco. Spruzzandoci prima una sostanza alcalina (sgrassatore o marsiglia) potenzierete l’efficacia della delicata.

MACCHIE FOTO-LABILI (pomodoro, feci): stendere al SOLE. Queste sostanze contengono molecole colorate (licopene, bilirubina) che si degradano con la radiazione UV.

MACCHIE GRASSE E COLORATE (ragù, cioccolta, salse) serve pretrattare con un tensioattivo molto emulsionante (es. det piatti), o lo uno sgrassatore, o il sapone marsiglia e olio di gomito, o il detersivo stesso contenente Enzimi e poi utilizzare uno sbiancante a base di ossigeno: detergente smacchiatore igienizzante (candeggina delicata) o pappetta di percarbonato, a seconda che il capo sia colorato, delicato o bianco.

RUGGINE: è difficilissima da togliere, potere tentare con una soluzione concentratissima di citrato di sodio. Sennò dovete comprare uno smacchiatore apposito o portare il capo in tintoria (e a volte non riesce nemmeno lei..).

MACCHIA OSTICA CHE NON VA VIA CON NULLA:
Fabrizio Zago ci ha insegnato che i pallini grigio-beige nei detersivi in polvere sono gli enzimi incapsulati.
Se avete una MACCHIA OSTICA che non va via con nulla potreste armarvi di santa pazienza e prenderli, uno per uno. Poi li dovete rompere con un cucchiaio e farci una pappetta assieme ad un po’ di acqua. Si mette questa pappetta sulla macchia e si lascia agire per mezz’ora, bagnandola se si asciuga troppo. Poi si aggiunge sulla macchia un’altra pappetta, fatta con il percarbonato (se la maglia è bianca), oppure ci si spruzza lo smacchiatore igienizzante/ delicata (se il capo è colorato o delicato).
Si lascia agire un pochino e si procede con il lavaggio solito.
Mi raccomando: NON mettete insieme pappetta di enzimi e ossidante (percarbonato o candeggina gentile) altrimenti distruggete gli enzimi e non funzioneranno più.
Se il capo non si smacchia nemmeno così vi dovete arrendere…siamo chimici mica maghi!

Articolo creato 81

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto