Pannolini lavabili

Approfitto di una domanda di un’utente del blog per parlare di come lavare ed igienizzare al meglio i pannolini lavabili (sia dei pupi che delle donne).
Innanzitutto la storiella che il sapone tipo marsiglia “cera” il tessuto dei pannolini non sta in piedi…il motivo è semplice: il sapone è solubile in acqua, come potrebbe cerare qualcosa? Mi viene sempre il dubbio che queste false notizie vengano messe in giro da chi vuole vendere il suo detersivo…
Certamente, lavare i pannolini soltanto con il sapone di marsiglia non va bene! Per il “contenuto” dei pannolini e per la parte del corpo a cui saranno destinati hanno bisogno di una bella igienizzata eh!
Quindi, nell’attesa di accantonarne una certa quantità per fare la lavatrice, PRETRATTATE le parti macchiate con sapone di marsiglia o un po’ di sapone piatti e date una spruzzata con candeggina delicata (non svenirete dalla puzza quando li metterete in lavatrice e aiuterà il lavaggio).
Ma poi vanno lavati MINIMO A 60 GRADI, con DETERSIVO IN POLVERE (più potente del liquido) e se necessario con l’aggiunta di PERCARBONATO igienizzante. I 60 gradi sono indispensabili.
Se avete le lavatrici moderne opterei anche per un DOPPIO RISCIACQUO. Per rendere il pH del pannolino più vicino alla nostra pelle, non dimenticatevi di mettere la soluzione di ACIDO CITRICO come ammorbidente. Ovviamente stendeteli al SOLE: la bilirubina contenuta nella pupù del pupo è fotolabile, quindi se dovessero uscire dalla lavatrice ancora macchiati, dopo il bagno di sole torneranno bianchi.
Per far durare più a lungo il pannolino, nella scelta del detersivo potreste verificare che NON ci sia l’enzima “cellulase”. Questa sostanza, efficacissima nel lavaggio, “consuma” però qualsiasi fibra naturale (come il bambù, il cotone, la seta ecc.) Prodotti come i pannolini, che vengono lavati molto spesso, subiranno di più questa perdita di tono e consistenza.
Infine, tanto per ricordare, aggiungere bicarbonato, oli essenziali, mais, ecc. non serve a nulla nel lavaggio dei pannolini.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

32 risposte a Pannolini lavabili

  1. Emanuela scrive:

    Buongiorno Sara. Avrei delle domande su come usare il percarbonato con i pannolini lavabili: posso aggiungere la polvere direttamente al detersivo nella classica pallina dosatrice e poi mettere tutto nel cestello? Posso creare una soluzione da tenere come spruzzino smacchiatore apposta per i pl? Se sì, in che percentuale e che tipo di acqua é meglio usare? Grazie.

    • Mammachimica scrive:

      Si puoi mettere il percarbonato direttamente nel cestello assieme al det e ovviamente lavare almeno ai 60gradi.
      Ma no non puoi fare lo spruzzino, non durerrbbe.
      Ti consiglio di leggere i post dedicati su questo qui sulle pillole o su Facebook (la mia pagina è pubblica, non devi essere iscritta per leggerla).
      Se vuoi puoi fare lo spruzzino con il detergente smacchiatore igirnizzante a base di ossigenata che trovi nel fai da te.
      Ciao Sara

  2. Francesca scrive:

    Ciao!
    Vorrei chiederti un’informazione:
    In caso di infezione da candida o altro la mia ostetrica mi ha detto che lavare l’intimo a 60 gradi non basta, di aggiungere prima di lavare qualche goccia di olio essenziale di Tea tree e poi passare il vapore del ferro da stiro una volta asciugato.
    Se al lavaggio a 6o gradi aggiungo il percarbonato è sufficiente?

    Grazie mille anticipatamente!

    • Mammachimica scrive:

      Si, secondo me è sufficiente. È il consiglio che da anche Zago per lavare i pannolini lavabili e ovviare a questi problemi.
      Io li lascerei ammollo tutta la nottr con percarbonato e acqua calda e poi lavaggio a 60.
      Per disinfettare di tea tree ce ne vuole un camion…e puzzeresti da morire…
      Ciao Sara

  3. Irene scrive:

    Ciao mammachimica
    innanzitutto grazie per le tue info e i consigli. Io ho una domanda sui pannolini lavabili un po’ più specifica, spero potrai dirmi la tua: ho fatto il vaccino del rotavirus al mio bimbo e poi usato i pl senza riflettere sul fatto che nella pupu potrebbe essere presente il virus. Mi stanno dando, al riguardo pareri discordanti, fra chi dice che sia sufficiente lavare i pl a 60 gradi, chi farlo usando il percarbonato e chi usando il napisan. Sul Napisan, poi, in tante mi dicono di non usarlo mai sui pl. Mi trovo al momento un tantino confusa Mi puoi dare un tuo parere, su entrambi i quesiti (virus e napisan)? Ti ringrazio!!

    • Mammachimica scrive:

      Ciao Irene, non sono un medico e non sono esperta di virus, ma di certo se lavi sopra i 60 gradi e con il percarbonato una bella sterilizzata la dai certamente ( e io i pannolini lavabili li laverei SEMPRE con aggiunta di percarbonato, perchè se il bimbo ha un’infzione non è che te lo dice…te ne accorgi quando è troppo tardi). Ma poi se ha fatto il vaccino di cosa ti preoccupi? Scusa ma forse non ho capito la domanda.
      Comunque, il napisan è percarbonato con aggiunta di altro (sbiancanti ottici, profumo e il fatto che sia di marca te lo fa pagare di più).
      Per quale motivo scientifico dicono di non usare il peprcarbonato sui pl?
      Ciao Sara

  4. Ester scrive:

    Gentilissima Sara,
    leggo nei momenti di crisi il tuo sito e trovo spesso delle risposte risolutive quindi grazie infinite!
    Sono una neofita dei pannolini lavabili e ho dei dubbi. Se spruzzo ogni volta con candeggina delicata i pannolini non rischio di rovinarli visto che poi stanno lì anche un paio di giorni? Io non faccio mai lavatrici a 60 gradi, sbaglio? Voglio dire per la biancheria normale sono sufficienti i 40 gradi o ci sono delle ragioni per lavare a temperature più elevate? Nel caso dei pannolini lavabili sono d’accordo con i 60 gradi ovviamente, ma mi domando se io faccio un prelavaggio con solo i pannolini lavabili a 60 gradi e poi aggiungo il resto della biancheria e lavo a 40 gradi può funzionare lo stesso o è troppo poco per i pannolini?
    Ho un’ultima domanda, già che ci sono, alla quale non ho trovato risposta. I foglietti acchiappacolore funzionano? Come funzionano? Facendo una rapida ricerca su internet si trovano straccetti acchiappacolore fatti con una soluzione di acqua e soda solvay…può funzionare?
    Grazie infinite
    Ester
    P.S. Mi scuso se è già arrivato un post simile ma dal cellulare non ho capito se sia andato a buon fine o meno.

    • Mammachimica scrive:

      Ciao Ester,
      ti ho già risposta alla prima parte del messaggio che era già arrivato (ma io sono la sola a moderare il mio blog…e faccio questa divulgazione per hobby e gratuitamente, quando ho tempo e voglia….ecco perchè non trovavi il messaggio, se non lo leggo non appare).
      Sui foglietti acchiappacolore ho fatto un post su fb e anche qui http://www.mammachimica.it/pilloledichimica/, trovi tutte le spiegazioni su come NON funzionano.
      Sono una bufala, non lo dico io ma la chimica e anche i test scientifici. Butti solo soldi e basta.
      Su internet scrivono di tutto…si venderebbero pure la madre per due like!
      Non c’è nessuna nbase scientifica che acqua e soda solvay possa acchiappare il colore.
      ciao Sara

      • Ester scrive:

        Grazie mille, è come sospettavo. Scusa ancora per il doppione e se mi era sfuggito il tuo articolo sui foglietti acchiappacolore (che non ho mai usato in verità ma mia sorella pubblicizza molto). Spero di non chiederti l’ennesima cosa già detta…la mia lavatrice LG ha l’opzione lavaggio col vapore. Il vapore migliora realmente l’efficacia di lavaggio? Tra l’altro è una cosa che non ho quasi mai usato perché temo mi restringa e stinga i vestiti nonostante le rassicurazioni del produttore. Grazie ciao Ester

        • Mammachimica scrive:

          Guarda, su questo ne ha parlato tanto anche fabrizio sul forum: ol vapore non lava, sono i tensioattivi a farlo, ma certamente se metti i tuoi panni a 100 gradi uccidi tutti i batteri. Però poi i panni li butti..cioè si rovineranno tantissimo.
          E’ chiaro che la temperatura più alta aiuta il lavaggio, ma ci deve essere il detersivo. E comunque non credo che la tua situazione igienica sia tale da dover lavare a 100 gradi…
          Ciao Sara

  5. Ester scrive:

    Ciao Sara, grazie per il tuo sito pieno di spunti spesso risolutivi!
    Sto iniziando (solo) ora ad utilizzare i pannolini lavabili con la mia secondogenita neonata e ho dei dubbi sul lavaggio.
    Spruzzandoli sempre con candeggina delicata e lasciandoli lì anche un paio di giorni non rischio di usurare tantissimo i tessuti?
    Io lavo raramente a 60 gradi perché in verità i vestiti non sono mai molto sporchi e non necessitano di essere igienizzati molto (sbaglio?) mi domando se sia sufficiente fare un prelavaggio a 60 gradi con solo i pannolini lavabili e poi fare un lavaggio a 40 gradi col resto della biancheria.
    Grazie, Ester

    • Mammachimica scrive:

      Ciao Ester,
      la candeggina delicata non ha è molto usurante per i tessuti, e cmq, tanto prima o poi la bimba cresce e non li metterà più, ma prevenire infeioni batteriche è indispensabile per la sua pelle!
      Anche io non lavo certamente MAI i vestiti a 60 gradi, non ce ne è bisogno ( a meno di infezioni di candida, allora li è tutto un’altro discorso). Se ho bisogno di igenizzare basta aggiungere un po’ di candeggina delicata che funziona anche a freddo.
      Lavo a 60 gradi solo lenzuaola, federe, acqiugamani, canovacci perchè mi sono accorta che così non si accumula sebo, sposco o grasso della cucina e mi durano più a lungo, sono più morbidi e non puzzano anche se rimangono umidi in bagno (gli asciugamani intendo). Ma ognuno conosce il suo bucato…non conosco il tuo.
      Ma proprio per il fatto che i pannolini stanno a contatto tutto il giorno con la pelle delicata dei bimbi e il bambino potrebbe avere delle infezioni ( e tu te ne accorgi quando è troppo tardi), i pannolini vanno lavati SEMPRE minimo a 60 gradi, con percarbonato, dete potente ecc.
      Ciao Sara

  6. Michela scrive:

    Ciao Sara, grazie infinite per le tue delucidazioni. Io da qualche anno uso i prodotti Green Natural, sia per il bucato che per i pannolini lavabili perchè, essendo alla spina, mi permette di riciclare i contenitori.
    Gli ingredienti contenuti nel detersivo sono:
    AQUA
    GLYCERIN
    SODIUM COCETH SULFATE
    Fatty Alcohol C 12-18 7 EO
    COCAMIDOPROPYL BETAINE
    LAURYL/MIRISTYL GLUCOSIDE
    POTASSIUM COCOATE
    SODIUM CHLORIDE
    TRISODIUM DICARBOXYMETHYL ALANINATE
    LAVANDULA HYBRIDA OIL
    Potrebbe andar bene?
    Grazie ancora

    • Mammachimica scrive:

      Ciao, se passi la lista igredienti all’ecobiodizionario di Zago vedrai che il prodotto è certamente ecologico.
      Però non so se lava… non sono un formulatore ma vedo che mancano gli enzimi. Inoltre per i pannolini lavabili io usarei un polvere, è sempre più potente del liquido.
      Comunque, prova a fare una ricerca sul forum di Zago Ecobiocontrolbio.org, magari lo hanno analizzato e ci sono pareri sull’efficacia.
      Ciao Sara

  7. Ilaria1100 scrive:

    Ciao,ho trovato questo detersivo in polvere con riconoscimento ecolabel volevo sapere se va bene anche per lavare i pannolini lavabili : Prodotto:
    POLVERE LAVATRICE ECO-LABEL GREEN
    Scheda degli ingredienti
    Denominazione INCI
    Sodium sulfate
    Sodium carbonate
    Zeolite
    Sodium carbonate peroxide Sodium Dodecylbenzenesulfonate Alcohols, C12-13- branched and linear, ethoxylated
    Sodium silicate
    Aqua
    Sodium acrylate/maleate copolymer
    Sodium tallowate
    Tetracetyl etylene diamine Subtilisina
    Sodium diethilenetriamine pentamethylene phosphonate Cellulose gum
    Parfum
    Silicone Compound
    Alfa-Amylase
    Fluorescent Whitening Agent, bis- (triazinylamino)-stilbene disulphonic acid derivative
    grazie in anticipo

    • Mammachimica scrive:

      ciao Ilaria.
      se ha il marchio ecolabel (con il fiorellino europeo come logo) come avrai letto è sempre un compromesso tra ecologicità, efficacia e prezzo.
      Questo però non mi piace molto, ha anche gli sbiancanti ottici…che probabilmente sono ancora nel disciplinare ecolabel (ma doveveno essere tolti in realtà).
      Se hai una coop vicino casa sarebbe meglio il suo ecolabel, quello viviverde coop, senza sbiancanti ottici.
      Ovviamente in qualsiasi caso i pannolini sempre lavati sopra i 60 gradi.
      Ciao Sara

  8. Ludka scrive:

    Ciao Sara, complimenti per il sito! Vorrei chiederti un consiglio. Sto usando i pannolini lavabili e purtroppo li ho macchiati/rovinati con olio di mandorle e me ne sono accorta dopo qualche lavaggio con il percarbonato a 60°… Si sono create delle macchie grigie su un tessuto sintetico Stay Dry (50% polyester, 40% polypropylene e 10% elasthane) di miei AIO. Ho provato anche un po’di detergente per i piatti e successivo lavaggio a 60 e niente… C’è speranza di togliere queste macchie? Lavaggio a 95° (in teoria possibile, anche se tessuto sintetico, perché è scritto sulla etichetta dei pannolini)? Grazie mille

    • Mammachimica scrive:

      ciao e grazie dei complimenti.
      l’olio di mandorle è tremendo…potresti provare con un po’ di alcool, ma fallo in un piccolo spazietto, non vorrei sciogliesse il sintetico..non dovrebbe ma non sono esperta di tessuti.
      ciao Sara

  9. Michela scrive:

    Va bene il tuo detersivo liquido per lavare i pl?

  10. Simona scrive:

    la candeggina delicata la posso mettere anche in lavatrice

  11. Mammachimica scrive:

    grazie di aver condiviso la tua esperienza.
    Ma cmq un detersivo lo usavi immagino…magari liquido..
    Il detersivo in polvere va bene, è molto efficace, ma magari controlla solo che non ci sia la cellulase. Questo enzima potrebbe rovinare maggiormente i pl in bambù e anche in cotone (le fibre naturali). Quindi non è che non va bene l’ecolabel, è che li consuma un po’ prima..
    Per la dose vedi le istruzioni indicate dal produttore a seconda dell’acqua che hai e stai nella dose minore (poi vedi come va), come sempre mi raccomando doppio risciacquo se hai la lavatrice nuova)
    Ciao Sara

  12. Silvia scrive:

    Leggo con interesse la faccenda della bilirubina fotolabile, ci sono altre ‘macchie note’ che sono fotolabili?
    Grazie

  13. Lorenza scrive:

    Purtroppo nei gruppi su fb dedicati ai pannolini lavabili ormai è prassi lavare a 40 e raramente a 60. Il fatto è che tanti pannolini di cattiva qualità a 60 si rovinano… sono contenta di avere letto la tua opinione da persona formata in materia. Purtroppo queste mode vanno a discapito di chi produce pannolini lavabili costantemente a 60° che costano un po di più ma che hanno una qualità assolutamente differente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code
     
 

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto