I pericoli dell’autoproduzione

Giorni fa è arrivata una richiesta di aiuto sul sito di Mammachimica…una ragazza ha preparato l’intruglio tanto in voga sul web per lavare i piatti, che però NON LAVA UN TUBO, perché non ha gli ingredienti che servono e addirittura può intasarvi lo scarico.
Il problema è che sto pappone inutile le ha anche provocato un problema di salute! Ha avuto una “reazione allergica che è penetrata alle articolazioni !!!tipo gotta”.
Al miscuglio di sale, limoni cotti e bicarbonato, a cui ha aggiunto anche del bagnoschiuma.
La sua domanda è:” siccome era anche un po’ invecchiato, tipo 2 mesi, che composto si è formato? che tipo di acido mi sono spalmata sulla pelle ? ”
Non sono un medico quindi non posso e non voglio darle consigli in merito, deve andare da un dermatologo al più presto!
Però posso dire che chimicamente non si è formato NESSUN ACIDO: bicarbonato e limone si annullano a vicenda e sulla pelle avrà avuto un pH neutro quindi innocuo, nessun, acido pericoloso.
Inoltre di certo non è stata colpa del bagnoschiuma a causare la dermatite. Quello è a base di tensioattivi usati apposta per la pelle.
Però, dopo due mesi, l’intruglio inutile è sicuramente MARCITO, formando probabilmente della muffa, quello è il problema!
DIFFIDATE dei consigli fai da te senza fondamento scientifico, pieni di banner pubblicitari per guadagnare e che non hanno un briciolo di competenza…sia nel campo della detergenza che in quello della cosmesi.
Io non vendo nulla, ognuno è libero di lavare e di lavarsi con quello che gli passa per la testa!
Ma a volte oltre a non funzionare potreste farvi del male!
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

6 risposte a I pericoli dell’autoproduzione

  1. Simona De Cola scrive:

    Salve, ho da fare questa domanda… Per togliere la muffa dal muro di camera… Ho spruzzato dell’aceto puro…senza risciacquare.. Dopo mesi ho spruzzato della candeggina…posso aver fatto generare gas nocivi? Ho una bambina piccola… E non avevo pensato a qs cosa.. Vi prego di rispondermi, grazie

    • Mammachimica scrive:

      potresti…la candeggina tradizionale è alcalina è l’aceto è acido. Fortunatamente non è un acido a base di cloro, come il muriatico!
      Ma te ne saresti accorta subito perchè se si sviluppa cloro e non respiri più…
      ma perchè usare l’aceto che non serve a niente nei confronti della muffa? perchè vi affidate a rimedi scritti da che non è un chimico?
      Cmq, ripeto, se erano passati mesi non dovresti avere combinato guai, ma attenzione a quando mischi le cose, la chimica REAGISCE!
      Ciao Sara

  2. alice scrive:

    Ciao Sara, vorrei segnalare una ricetta pericolosa che ho provato sulla mia pelle, trovata su un noto sito di autoproduzione in Italia. Praticamente mi sono sciacquata i capelli con l’equivalente del tuo brillantante, anzi ancora più potente !! Infatti mi sono sentita corrodere dalla testa ai piedi. Da non credere !! Vedi la ricetta qui sotto. Cordialmente Alice

    200 g di acqua demineralizzata o minerale
    50 g di acido citrico
    Bottiglietta
    Serve per lisciare i capelli, eliminare il calcare dell’acqua e donare brillantezza. Basta fare un risciacquo con un facilissimo balsamo fatto con 200 grammi di acqua demineralizzata (del ferro da stiro) o minerale e 50 g di acido citrico (si acquista nei negozi bio).

    • Mammachimica scrive:

      si grazie della segnalazione, è più potente dello scioglicalcare per acqua dura del resto! Sui capelli, senza risciacquo la concentrazione di citrico è max l’1%..qui è 25%! Mi dispiace per la tua esperienza.
      Ma spero tu abbia scritto anche al sito…purtroppo e per fortuna la chimica è una scienza esatta, ma ci sono un sacco di persone che non se sanno nulla anzi…ma fanno milioni di visualizzazioni con le loro stupidaggini!

  3. PRIMAROSA ALOISI scrive:

    qui nei pericoli dell’autoproduzione dici che bicarbonato e limone si annullano a vicenda
    mentre per produrre il citrato di sodio si usa il bicarbonato e l’acido citrico (limone) non ho studiato chimica, ma che differenza c’è …ti ringrazio, sempre se la risposta che mi puoi dare è semplice buona giornata

    • Mammachimica scrive:

      Se ti serve il citrato di sodio allora è giusto mettere assieme bicarbonato e acido citrico, nelle DOSI GIUSTE, per ottenere appunto il sale, che poi utilizzerai per altro.
      Se mischi il bicarbonato e il limone così a caso, (che contiene solo il 3% di acido citrico e altre cose, fibre per esempio che non servono al lavaggio), non ottieni un composto definito e utilizzabile per fare il detersivo…quindi non serve a nulla e comunque non ti ritroverai nè il bicarbonato nè il limone per niente.
      Ciao Sara

Rispondi a PRIMAROSA ALOISI Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code
     
 

* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto